Il mantenimento dello stile di vita nel tempo sta diventando una delle esigenze più ricorrenti.

Oggi più che mai, riguarda tutti in maniera indistinta, compresi i clienti di fascia alta, i famigerati HNWI (High Net Worth Individual).

Certo ci sono delle differenze, ma la questione non è più un problema esclusivo di chi appartiene alle fasce basse di reddito.

Perché lo stile di vita influenza la gestione del patrimonio?

Come emerge da uno studio dell’Associazione Italiana Private Banking (AIPB) le famiglie cosiddette “private”, ossia le famiglie che possiedono un patrimonio netto (esclusa l’abitazione di proprietà) compreso tra 500.000 euro e 5.000.000 di euro, risparmiano e investono in modo da poter mantenere il proprio stile di vita nel tempo.

Queste famiglie rappresentano il 95% delle famiglie “private italiane”, quindi una fetta molto consistente che sottolinea l’importanza di guardare oggi al futuro in ottica di risparmio o quantomeno gestione.

Partiamo da un dato: l’età media dei clienti private è compresa tra i 55 e i 64 anni.

L’allungamento della vita e l’evoluzione degli stili di vita impongono un’attenta riflessione sugli obiettivi e sulla gestione del patrimonio.

LEGGI ANCHE: Come tutelare il proprio patrimonio?

Eh sì, perché è adesso e solo adesso che puoi costruire il tuo domani.

Prova un momento a riflettere su quali potrebbero essere le conseguenze se oggi non progettassi bene l’architettura finanziaria del tuo patrimonio.

Vuoi gestire al meglio il tuo patrimonio?

Richiedi la tua consulenza gratuita

Quali sono le conseguenze di una scorretta gestione patrimoniale?

Senza pensare a scenari estremi, prova a pensare a cosa accadrebbe se, tra vent’anni, la tua famiglia non potesse permettersi quello che oggi è diventato quotidiano. Mi riferisco ad esempio ai viaggi, allo sport, all’impegno nel sociale e, in generale, al togliersi degli sfizi, magari nella tecnologia o nella propria passione.

Ecco, mi riferisco proprio a quelle rinunce che oggi non si figurano di dover affrontare, se tu perdessi piano piano il tuo stile di vita.

E non è tutto. Fai la stessa riflessione considerando la tua azienda e la tua professione. Potresti non essere più in grado di investire in innovazione o ampliare il tuo business, potresti essere costretto a rinunciare a qualche progetto.

Questi sono solo dei possibili scenari per farti vedere quante gravi implicazioni ha non gestire in maniera professionale il tuo patrimonio.

LEGGI ANCHE: I 7 motivi per cui devi affidarti a un Private Banker

Possiamo ampliare ancora la riflessione. I tuoi amici, i tuoi colleghi e dipendenti che impressione avrebbero di te? I rapporti resterebbero gli stessi?

Anche queste conseguenze, che sembrano solo dettagli, non possono essere sottovalutate quando si parla di amministrare un patrimonio. Non si tratta solo di ricchezza.

Solo attraverso un’attenta architettura puoi evitare tutte le conseguenze di cui abbiamo parlato prima.

Quali sono i cambiamenti rispetto al passato?

Come per tante cose, una volta era più semplice. Diverse possibilità permettevano guadagni senza troppi pensieri:

  • titoli di stato con delle buone cedole potevano garantire un ottimo flusso di rendimento nel tempo, con poco rischio;
  • investire nel settore immobiliare consentiva l’ingresso costante degli affitti, e l’immobile si rivalutava da solo, senza troppa tassazione e senza rischio di trovarsi spese condominiali insolute oltre che affitti non versati;
  • in azienda ci si poteva concentrare solo sulla produzione, si vendeva tutto con poche difficoltà.

Ma quel mondo è finito.

Ora la situazione è cambiata e richiede un utilizzo ottimale dei mezzi che ci sono a disposizione, per risolvere le problematiche e garantire la serenità che meriti anche domani.

Le soluzioni esistono. Sono specifiche e vanno implementate a seconda della situazione e delle esigenze di ognuno.

Quali sono le possibili soluzioni?

Per capire fino in fondo che davvero ci sono delle possibilità concrete, nonostante il quadro generale sia cambiato nel tempo, voglio proporti due esempi reali:

  1. Ottenere un rendimento costante ogni anno.

Una cliente dopo la perdita improvvisa del marito, mi ha chiesto di strutturare il suo patrimonio in modo tale che questo generasse una rendita costante.

Tale flusso, integrato dalle rendite immobiliari, doveva mantenere inalterato il suo stile di vita e allo stesso tempo supportare i figli in una fase delicata di “costruzione” del loro futuro professionale.

Dopo un’approfondita analisi delle reali esigenze del nucleo familiare, siamo arrivati a stabilire con precisione matematica a quanto ammontava l’effettiva necessità di cassa della famiglia.

Abbiamo agito su due fronti: da un lato strutturando tutto il patrimonio in modo che rispondesse a questo bisogno nel tempo; dall’altro ottimizzando la fiscalità della struttura patrimoniale, così da minimizzare l’erosione fiscale.

Le proprietà immobiliari sono state affidate a un partner esperto nel settore, al fine di realizzare gli stessi scopi anche tramite la razionalizzazione e la vendita di alcune delle proprietà.

LEGGI ANCHE: Investimenti immobiliari in Italia e all’estero: cos’è meglio?

In questo caso specifico l’obiettivo che ci siamo posti, oltre a essere reale e raggiungibile, era identificato in maniera univoca, attraverso un valore esatto di rendimento, da raggiungere in maniera costante ogni anno.

       2. Tutelare la famiglia e il patrimonio.

Un caro cliente mi ha chiesto di aiutarlo a strutturare il suo patrimonio in modo tale da tutelare la moglie e la figlia, purtroppo non autosufficiente, nel caso in cui gli fosse successo qualcosa di grave.

Inoltre, essendo il cliente anche un imprenditore, mi ha chiesto di proteggere il patrimonio da possibili imprevisti esterni che potessero andare ad aggredire il suo patrimonio.

Siamo partiti rivisitando l’intero portafoglio finanziario e blindandolo dal punto di vista dei rischi e dalle aggressioni esterne. Poi abbiamo ottimizzato la fiscalità e la facilità di trasmissione in caso di morte dell’imprenditore.

Con la consulenza di un partner, le proprietà immobiliari e l’assetto societario sono state strutturate secondo le stesse linee guida adottate per la parte finanziaria.

Gli obiettivi possono essere diversi, a seconda che si abbia uno scopo o la necessità di tutelare qualcosa o qualcuno, ma il mantenimento nel tempo dello stile di vita rientra sempre tra gli scopi prioritari.

Adesso che il quadro generale è delineato, puoi scegliere di rimanere in balia del caso, oppure iniziare a ragionare in maniera professionale sul tuo patrimonio.

LEGGI ANCHE: Investire da solo può farti perdere il tuo patrimonio

Comincia a pensare sul serio che niente è più importante di te e della tua famiglia e soprattutto del vostro futuro.

Vuoi gestire al meglio il tuo patrimonio?

Richiedi la tua consulenza gratuita

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

2 × 2 =